Condono edilizio e onere della prova

Una recente sentenza del Consiglio di Stato (n 3841/2022) fornisce importanti precisazioni in ordine alla spettanza dell’onere della prova in materia di condono edilizio.

Oggetto della pronuncia dei giudici è in particolar modo l’onere della prova circa l’effettiva ultimazione delle opere entro la data utile ad usufruire del condono stesso.

Chi deve provare l’ultimazione dei lavori

Ebbene: “l’onere della prova circa l’effettiva ultimazione delle opere entro la data utile grava integralmente sulla parte privata, senza possibilità alcuna di inversione, dovendosi negare rilevanza a dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà o a semplici dichiarazioni rese da terzi, in quanto non suscettibili di essere verificate (Cons. Stato, Sez. VI, 21/04/2021, n. 3214).

Il valore della dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà

E’ stato, inoltre, affermato che: “la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà non è applicabile nell’ambito del processo amministrativo, in quanto la stessa, sostanziandosi in un mezzo surrettizio per introdurre la prova testimoniale, non possiede alcun valore probatorio e può, al più, costituire soltanto un mero indizio che, in mancanza di altri elementi gravi, precisi e concordanti, non è idoneo a scalfire l’attività istruttoria  dell’Amministrazione” ( ex plurimis , tra le più recenti: Cons. Stato Sez. VI, 18/05/2021, n. 3853; Cons. Stato Sez. II, 04/05/2020, n. 2838; Cons. Stati Sez. VI, 20/01/2022 n. 358)

Quali sono i mezzi di prove utilizzabili

L’onere della prova grava quindi sul privato.

Questi può senz’altro giovarsi dell’analisi dei ruderi o delle fondamenta del manufatto, di fotografie (meglio se basate sul metodo aerofotogrammetrico e nelle mappe catastali, insomma tutti quegli atti che siano in grado di radicare certezza intorno alla data di conclusione dei lavori. In ultimo è importante sottolineare come il soggetto interessato al condono possa essere diverso da colui che ha commesso l’abuso edilizio.

Sei interessato alla materia condono edilizio?

CONTATTA LO STUDIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.